Come attivarla

Attivazione allo sportello di persona
Chi utilizza la tessera sanitaria CRS solo per le tradizionali funzioni della tessera sanitaria (prescrizioni mediche, codice fiscale) non deve fare alcuna attivazione: la tessera è valida fin dal momento del suo arrivo.

Per poter accedere ai servizi on line offerti, invece, la nuova tessera sanitaria CRS deve essere attivata e per farlo occorre anzitutto chiedere il proprio codice PIN.

La richiesta del PIN individuale è necessaria, proprio perché la tessera sanitaria CRS è uno strumento di autenticazione on-line, cioè di riconoscimento dell’identità dell’assistito. E’ importante perciò poter garantire che la tessera sia utilizzata esclusivamente dal titolare e che questi abbia espresso il consenso al trattamento dei propri dati.

Per chiedere il proprio PIN è sufficiente presentarsi ad uno sportello abilitato portando con sé la propria tessera sanitaria CNS e un documento di riconoscimento (carta d’identità, passaporto, patente di guida o nautica o altro documento rilasciato dall’amministrazione dello Stato munito di fotografia e timbro);

Il codice PIN può essere chiesto in qualsiasi momento e non vi sono scadenze limite. Non è quindi necessario chiederlo appena ricevuta la tessera, ma è utile farlo quando si intende utilizzare i servizi on line offerti.

Allo sportello viene consegnata direttamente la prima parte dei codici individuali. La seconda parte dei codici viene successivamente spedita all’interessato via e-mail.

Per questo motivo la persona interessata dovrà comunicare allo sportello un proprio valido indirizzo e-mail.

 

Attivazione allo sportello per delega
In casi specifici si può /deve attivare la tessera sanitaria CNS per conto di un’altra persona:

- per il figlio: il genitore, con patria potestà, attiva la tessera sanitaria CNS per conto del proprio figlio minore. Il genitore presenta allo sportello la tessera sanitaria CRS del minore, un proprio documento d’identità e un documento che attesta il proprio status di genitore (documento valido del minore, stato di famiglia o una autocertificazione);

- per la persona soggetta a tutela: il tutore, il fiduciario, il curatore attiva la tessera sanitaria CRS per conto della persona soggetta alla propria tutela, presentandosi allo sportello con la tessera da attivare, la documentazione che comprovi il proprio status (di tutore, fiduciario, curatore) e un proprio documento identificativo;

- per la persona con impedimento per motivi di salute: l’assistito impossibilitato a presentarsi allo sportello per un periodo superiore a 3 mesi, a causa di un impedimento di carattere sanitario, può delegare una persona di sua fiducia all’attivazione della propria tessera sanitaria CRS.

In questo caso la persona delegata si presenta allo sportello, mostra il proprio documento di identità per l’identificazione certa, e consegna all’operatore:

  1. la delega del titolare della tessera sanitaria CRS all’attivazione della propria tessera
  2. il Modulo di richiesta PIN per delega sottoscritto dal delegante, in doppia copia
  3. la tessera sanitaria CRS della persona delegante
  4. la fotocopia del documento di identità del delegante
  5. il certificato medico o analoga documentazione clinica idonea o la autocertificazione che attesti l’impossibilità del titolare della tessera sanitaria CRS di presentarsi personalmente per motivi di salute.

Anche nel caso delle attivazioni per delega, allo sportello viene consegnata direttamente la prima parte dei codici e la seconda parte viene spedita via e-mail.  In caso di delega per impedimento sanitario superiore a 3 mesi, i codici vengono forniti in busta chiusa.

 

Gli sportelli
L’elenco degli sportelli abilitati è disponibile nella pagina apposita del portale del servizio sanitario regionale dell’Emilia Romagna.

 

 

 

 

 

 

Data ultimo aggiornamento: 15 settembre 2015